Lavarsi i denti è la chiave di volta della nostra igiene orale: senza questo processo, mettiamo a repentaglio tutta la nostra bocca esponendola a rischi come carie e batteri. Tante volte, però, si dà per scontato come lavarsi i denti, come se tutti avessimo già seguito un corso nell’immaginario corso “Lavaggio dei Denti Progredito”.

Considerando che un corso simile non esiste ancora, Splendente vi consiglia questi 4 semplici passi per lavarvi i denti in un modo da manuale:

  1. Posizionare lo spazzolino sulla parte esterna dei denti: La prima regola è quella di muovere lo spazzolino dall’alto verso il basso per l’arcata superiore e dal basso verso l’alto per i denti dell’arcata inferiore. Questo deve essere fatto con una certa pressione ma senza premere troppo in modo da rovinare le gengive. È consigliabile iniziare dagli incisivi per spostarsi poi sui molari. Attenzione: spazzolare in orizzontale o dal dente verso la gengiva, oltre ad essere inutile per prevenire la carie, favorisce la retrazione delle gengive provocando più sanguinamenti;

 

  1. Posizionare lo spazzolino sulla parte interna dei denti: Le superfici interne non vanno mai trascurate. Per questa zona è opportuno un movimento rettilineo dalla gengiva verso il dente, onde evitare che la placca si depositi creando grandi accumuli di tartaro che, se trascurati, possono essere rimossi solo con la pulizia;

 

  1. Spazzolare la superficie masticatoria: La superficie masticatoria, come lascia intendere il nome, è quella maggiormente coinvolta nella masticazione e richiede perciò una particolare attenzione. Spazzolando avanti e indietro quest’area si agisce anche sul cosiddetto spazio “intercuspidale”, ovvero quello tra le 4 punte dei molari, che spesso rappresenta un luogo dove si deposita molta placca.

 

  1. Sfregare lo spazzolino sulla lingua: Grande fonte di batteri, anche la lingua richiede una sua pulizia. A tal proposito esiste un pulisci-lingua, uno strumento più adatto del normale spazzolino ma che spesso è presente anche sul retro di quest’ultimo. Per chi non ne fosse in possesso, tuttavia, si può comunque usare uno spazzolino a setole morbide spazzolando la lingua con movimenti circolari. Eliminando i batteri sulla lingua, si elimina anche una fonte di alito cattivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *