Tutti sanno – o almeno immaginano – che la gravidanza, per tutte coloro che decidessero di intraprendere questo percorso, è un’esperienza che modifica radicalmente la vita di una donna. Quello che moltissime persone non sanno, tuttavia, è che la gravidanza richiede di prestare alcune attenzioni.

Esatto, avete letto bene. Pare che ci sia una vera e propria connessione tra l’igiene orale della mamma e la salute del bambino che sta per nascere.

Secondo diversi studi clinici, infatti, risulta esservi una correlazione tra la presenza di piorrea durante la gravidanza e un maggiore rischio di partorire prematuramente, con un conseguente peso inferiore del feto. Alla base di questo ci sarebbe, nella placenta di donne con gengivite, la produzione di antigeni di un batterio correlato strettamente all’infezione paradontale. Questo batterio, quando viene a contatto con la barriera amniotica, produce tossine che possono comportare uno stress fisico nel corpo femminile al punto da provocare un parto prematuro. Per di più, durante la gravidanza aumenta il rischio di contrarre la carie.

 

Per essere più sicure circa la salute del vostro bambino o bambina, dunque, sarebbe consigliata una visita di controllo prima della gravidanza e magari anche tra il secondo e il terzo mese. Se vi fossero i segnali di una parodontite, la cosa va indagata più a fondo ma tralasciando ovviamente la radiologia, pianificando una terapia meno invasiva al più presto.

 

Per la cura, una soluzione valida per le pazienti gestanti è rappresentata dal laser con il microscopio, in quanto non si tratta di un’operazione chirurgica e non è un’operazione affatto dolorosa. Se invece mancassero i sintomi di una parodontite, si può programmare un’altra seduta di controllo intorno all’ottavo mese, ricordando di contattare subito il medico in caso di sanguinamenti frequenti, gonfiori gengivali e altri tipi di fastidi. Le visite odontoiatriche durante la gestazione non devono spaventare più una donna, in quanto i moderni macchinari per la radiologia digitale e le fiale di anestetico senza adrenalina riducono qualsiasi rischio per il bambino.

Consigli utili

  • Vietato fumare, anche se lo sanno tutti è bene ricordarlo perché può ridurre il flusso di ossigeno che giunge al piccolo;
  • Assumere fluoro, un elemento che rinforza i denti contro i batteri della carie, ingerendo acqua minerale, con il dentifricio, con il collutorio o in alternativa con una o due sedute di fluoro per rinforzare i denti;
  • Prendersi cura dell’igiene orale lavandosi i denti almeno 2 volte al girono per due minuti con uno spazzolino morbido, con il filo interdentale e con il collutorio a base di fluoro;
  • Masticare chewing-gum allo xilitolo, 2 al dì, poiché comportano benefici per la dentatura del nascituro, oltre che per quella della mamma;
  • Attenzione agli alimenti: è importante assumere la vitamina C – presente negli agrumi, nei kiwi e nei pomodori –, A, D e i minerali come il calcio e il ferro – nel latte e nei suoi derivati.

Prima di intraprendere un percorso importante come una gravidanza, quindi, bisogna assumersi molte responsabilità, anche a livello orale. Nonostante tutto ricordate che, chiedendo agli specialisti della Clinica Splendente, questi saranno felici di aiutarvi per togliervi ogni perplessità!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *